Ci sono persone che sanno tutto e purtroppo è tutto quello che sanno. Oscar Wilde
Pagina iniziale / About me / Contattami / Login
Secondo voi riesco a tornare a casa, mettermi a letto senza scrivere prima il mio intervento? Certo che no. Infatti nonostante l'ora e la stanchezza, mi piace scrivere subito impressioni e eventi.
Sono passati appena cinque giorni da quando ho letto il libro e oggi sono andato al cinema per vedere il film (Generazione mille euro). Ero molto curioso di vedere se i significati del romanzo sono stati rispettati anche nel film o l'esistenza di varie differenze. Devo dire che l'essenza del racconto c'era e rispecchia perfettamente il libro, nonostante ciò ho trovato parecchie novità e storie in più, che nel libro non esistono. Ovviamente si tratta di scelte cinematografiche per dare un filo romanzesco alla storia, che nel libro non esiste.
Il ruolo degli attori è perfettamente azzeccato, quando leggi il libro ti immagini perfettamente il "capo", appariscente trentenne in carriera, di classe, così come è nel film (Carolina Crescentini). A parte gli eventi nuovi, del tutto inventati e aggiunti all'intreccio del libro, sui quali non mi soffermo perchè sarebbe una banale descrizione riassuntiva del film, ma non è ciò che voglio nei miei interventi sul blog, dico solo che essendo scelte cinematografiche per rendere più interessante e coinvolgente per il pubblico la storia, non c'è nulla da aggiungere. Invece a parte questo, ci sarebbe da riflettere su un significato inesistente nel libro, e invece importante e di base nel film. Si certo c'è la storia dei trentenni che non sono realizzati e vivono solo perchè devono farlo, senza nessuna soddisfazione, se un lavoro che gli piace, senza una vita come la vorrebbero. Però c'è anche il protagonista, che si presenta allo spettatore nelle prime scene del film, immaginando di avere un sogno ricorrente: "essere realizzato in tutto, vita lavorativa e amori, svegliarsi la mattina con la persona dei suoi sogni al proprio fianco, essere contento e soddisfatto". Cosa che alla fine del film si realizza e lo spettatore immagina che è possibile che si realizzi davvero. E' possibile che gli sia capitato.
Questo sognare e realizzarsi in chiusura dell'opera, nel libro non è un significato presente. Cioè il lavorare e fare le proprie scelte per ciò che si vuole in futuro, è una cosa nuova.
Però è interessante e curioso, soprattutto il ragionamento mediatico che il regista ci propone, coinvolgendoci e facendoci riconoscere in varie parti del racconto. Così come in molti eventi che capitano al protagonista. Protagonista che sceglie ciò che alla fine lo rende felice, anche se avrebbe potuto prendere la strada più facile e arrivare. Arrivare sì, ma non felice. Protagonista che possiamo essere noi.


Hasta pronto...
by nuke
Sunday, 26 Aprile 2009!! Alle: 01:37
1 Commento 1 Commento ( 4221Visite )  |  
( 0 / 0 )

Ho appena terminato di leggere il libro di Incorvaia e Rimassa, subito dopo averlo comprato. La letture è molto scorrevole, grazie al linguaggio popolare e senza grossi discorsi complicati. Il lessico è dell'italiano medio. La storia è interessante perchè riprende il tema attuale dell'occupazione giovanile, o meglio della disoccupazione giovanile. Tema che viene spesso discusso ma mai affrontato del tutto. Il racconto prova a coinvolgere il lettore in una storia, o meglio uno scorcio di vita quotidiano, per addentrarlo nel mondo di questa generazione, di trentenni, che vivono con dei standard requisiti, piuttosto diffusi un po' in tutta Italia. L'attualità di alcuni accorgimenti aumentano questa vicinanza con il lettore, e rapidamente lo immergono nell'universo che vorrebbero presentare, nel quale, molto probabilmente, ci si riconoscerà pure. La trama sarebbe inoltre molto più coinvolgente se non si spostasse verso un mini trattato di sociologia, abbandonando lentamente lo stile romanzesco. Infatti molti dettagli si perdono con la storia, e altri rimangono irrisolti. Tutto sommato è una letture rapida e interessante, curiosa per ciò che dice, anche se lascia un po' a desiderare per come lo dice. Ma il tema c'è e si sviluppa bene.
Come al solito le mini recensioni fatte sull'esperienza quotidiana di ciò che leggo e ciò che vedo, mi spingono sempre a far uscire anche un po' di critico della comunicazione. Sono tutti commenti costruttivi che secondo me, alimentano semplicemente il dibattuto e risolvono alcuni punti.
Ora vi lascio alla lettura di questo libro, per chi lo volesse. E venerdì alla visione del film che uscirà. E poi confronto tra le due opere.


Hasta pronto...

by nuke
Tuesday, 21 Aprile 2009!! Alle: 00:40
2 Commenti 2 Commenti ( 424Visite )  |  
( 0 / 0 )

Non era una cosa programmata o attesa che io andassi a vedere questa Sagra degli Agrumi 2009. Anche se sapevo di questo evento almeno da cinque o sei giorni! Sapevo che c'era questa manifestazione perché me ne ha parlato una mia amica che doveva lavorarci, quindi mi sono alzato stamattina, ho acceso la TV e su Videolina c'era la diretta da Muravera, poi ho aperto il giornale (come sempre!) e ho trovato un servizio sempre per questa sagra. Quindi avendo visto e letto un po' di cose ho pensato: "Magari è interessante". Quindi con tutta calma, anche se lì la gente c'era dalla mattina perchè alle 10 iniziava la sfilata dei gruppi folkloristici, i carri storici e i costumi tipici sardi, arrivati da tutta l'Isola. Ho pranzato, mi sono sistemato la mia macchinetta fotografica, e ho deciso di farci un salto per scattare due foto e ovviamente, rompere le scatole alla mia amica che lavorava!
Io sono arrivato alle 16, quindi giusto in tempo per vedere lo spettacolo di balli sardi che è stato allestito in Piazza Europa, al centro di Muravera. Un palco degno di tale manifestazione e una presentazione a ruota di tutti i vari gruppi folk della Sardegna che hanno aderito alla festa, con i loro balli. Lo spettacolo era interessante e a quanto ho visto, ha coinvolto parecchio pubblico, c'erano anche molti turisti, già lì per le loro vacanze, che cercavano di godersi la manifestazione. Il tutto era anche molto ordinato, infatti si seguivano tempi televisivi e tutto era diretto da Videolina che gestiva la regia, dietro le quinte c'erano parecchie postazioni di ripresa e anche apparecchiature aeree!
Gli spettatori molto divertiti applaudivano a tutti i gruppi in scena e si sentivano allo stesso tempo comparse televisive per l'effetto che le telecamere in mezzo a loro facevano scatturire. Oltrettutto non poteva mancare l'ironia e la scioltezza del presentatore Ottavio Nieddu (come sempre in questo tipo di programmi Videolina), con battute di bassa lega e dal linguaggio molto popolare, come suo solito. Avrete senz'altro imparato dai miei precedenti articoli, che quando assisto a eventi di questo genere che attirano la mia attenzione, non posso esimermi dal fare commenti sul lato critico della comunicazione, che mi si presenta!
Insomma, un paio d'ore passate in maniera diversa, vedendo culture e costumi diversi, tutto sommato interessante. Se non fosse per il clima che da bella giornata quasi soleggiata si è rivoltato a tempestoso diluvio insistente verso le 19.30, che ha costretto tutta l'organizzazione a levare le tende e mettere al ripare le attrezzature prima del previsto.
by nuke
Sunday, 19 Aprile 2009!! Alle: 21:14
commenta commenta   |  
( 0 / 0 )

Eh... Mi sa proprio di sì. Dopo un lungo, lunghissimo periodo di buio profondissimo, questo blog rivede la luce. Serendipità, il blog di Nuke (Dario Fadda), quello che era il punto di riferimento dell'ormai estinto Network Italiano Spcnet.it, ritorna online. Ha passato un brutto periodo di silenzio e buio, a causa di problemi personali, tecnici: prima software e poi hardware sul server. Ma ora è pronto a ripartire. Ripartire sì, ma non prima di aver asciugato fiumi di lacrime. Infatti ciò che ha contribuito a dare la botta decisiva a quello che era dal 2006 www.dariofadda.it, sono stati i problemi hardware sul server. Hanno raso al suolo un HardDisk e gran parte del sistema è partito.
Con lui sono partiti anche gigaByte di dati e tutto l'archivio storico di questo blog. Archivio che legava me, Internet e i lettori dalla fine del 2006. Se mai qualcosa venisse un giorno recuperata, per adesso mi sono detto che la cosa giusta è ripartire. Inutile continuare con il silenzio e con il buio e con la speranza di ritrovare qualcosa. Quindi si riparte. Ovviamente con i ritmi di sempre... E cioè dello "scrivere quando ho tempo", però si riparte.
Dopo un'amara consolazione (la perdita di tutto, vi assicuro che inizialmente non è stata facile da digerire) questo fatto e questa decisione del ripartire, mi mette un po' d'allegria.
Uso, come si fa in ogni blog che si rispetti, questo "primo" intervento per salutare tutti i lettori e esprimere la mia gioia nel riprendere l'attività di Serendipità... Cioè qua ci finisce, proprio come era un tempo, tutto ciò che capita, di modo da cercare qualcosa, e finire per trovare tutt'altro.
Ma allo stesso tempo, lasciamo un po' di spazio e questo intervento per qualche ricordo non perso, di tutti questi anni di attività; infatti tutto ciò che mi è rimasto tra le mani è un semplice e riduttivo elenco dei titoli di tutti gli interventi, inseriti dal 2007 all'ultimo, fino al buio.

Dall'ultimo, più recente, al primo del quale ho traccia:

07 febbraio 2008
Da domani al cinema
-------------------------
05 febbraio 2008
Che domenica
-------------------------
24 novembre 2007
Ecco il Belpaese
-------------------------
07 novembre 2007
Animali maltrattati, ma davvero??
-------------------------
21 ottobre 2007
- La rinascita di Spcnet.it [it]
- Spcnet.it rebirth [en]
-------------------------
14 ottobre 2007
Vacances dans Bruxelles
-------------------------
23 settembre 2007
Equinozio d'autunno
-------------------------
12 settembre 2007
Le 7 meraviglie del mondo informatico
-------------------------
17 agosto 2007
Ferragosto 2007 - Carloforte
-------------------------
14 luglio 2007
V-Day, 8 settembre
-------------------------
07 luglio 2007
What are you listening?
-------------------------
03 luglio 2007
Evviva la rete verde
-------------------------
02 luglio 2007
Ultimo periodo
-------------------------
05 giugno 2007
Il mio Grande Fratello
-------------------------
31 maggio 2007
Sesso e crimini in vaticano
-------------------------
23 maggio 2007
Messaggi di stato strani su Messenger?
-------------------------
11 maggio 2007
- Libri e cultura
- Papà Bill
-------------------------
26 aprile 2007
How to save a life
-------------------------
24 aprile 2007
25 Aprile.
-------------------------
13 aprile 2007
Diario di una pasquetta
-------------------------
30 marzo 2007
Dal mondo informatico
-------------------------
23 marzo 2007
La giornata appena passata
-------------------------
21 marzo 2007
Oggi accadde!
-------------------------
19 marzo 2007
Within Temptation
-------------------------

18 marzo 2007
Bella giornata per l'arte
-------------------------
16 marzo 2007
Qualche libro da segnalare
-------------------------
14 marzo 2007
Liberate Daniele
-------------------------
08 marzo 2007
8 Marzo? Ah sì!
-------------------------
03 marzo 2007
Un po' di foto
-------------------------
02 marzo 2007
Il Ritorno, alla vita quotidiana
-------------------------
27 febbraio 2007
Secondo giorno londinese
-------------------------
25 febbraio 2007
Allora? Pronti?
-------------------------
23 febbraio 2007
Lettera a un adolescente
-------------------------
22 febbraio 2007
Tale e Quale
-------------------------
21 febbraio 2007
Dimesso il governo di Prodi
-------------------------
18 febbraio 2007
Un film, tanti ricordi
-------------------------
17 febbraio 2007
Lo schiaffo a Gates negli uffici del Belgio, addio a Microsoft
-------------------------
11 febbraio 2007
Scusa ma ti chiamo amore.
-------------------------
10 febbraio 2007
Cosa è successo ieri??
-------------------------
04 febbraio 2007
Periodo 27/01 - 04/02
-------------------------
07 gennaio 2007
Eccoci nel 2007...
-------------------------
17 dicembre 2006
Evanescence... si ma che vuol dire?
-------------------------
26 novembre 2006
"Believing in Harvey"
-------------------------
22 novembre 2006
Veramente scioccante
-------------------------
18 novembre 2006
- Ma parliamo un po' di me
- Punto della situazione
-------------------------
26 ottobre 2006
Più di una semplice storiella
-------------------------
24 ottobre 2006
Un saluto a Carlo Abarth
-------------------------
22 ottobre 2006
Dall'LSD ad Internet
-------------------------


Certo che mi piacerebbe davvero tanto poter recuperare tutti questi interventi...
In tre anni abbiamo affrontato davvero tanti argomenti, petizioni, azioni, reazioni, parlato, criticato, riso, e raccontato. Anche solo rileggendo i titoli, mi vengono i brividi! E sarebbe proprio bello, riavere tutti questi contenuti. Sono un grande pezzo di storia.
Vabbè ma nostalgia a parte ora siamo qua. E questa storia, non possiamo far altro che continuarla...

Ah, dimenticavo, l'unico intervento che ho per intero è quello che scrissi sullo space di MSN, il primo giorno che questo blog ha aperto i battenti e ora, visto che siamo in vena di ricordi, lo carico anche qua.
Era il lontano 22 Ottobre del 2006.

PS.: questo però me lo ricordo a memoria, ogni intervento terminava con un...

Hasta pronto
by nuke
Sunday, 15 Febbraio 2009!! Alle: 21:48
commenta commenta ( 2878Visite )  |  
( 1 / 25 )

Il 22 Ottobre del 2006 scrivevo:

Innanzitutto, come primo intervento in questo blog, mi sembra doveroso dare il benvenuto a tutti i visitatori. Terminati i convenevoli dirigiamoci subito al sodo.
Cos'è questo blog?
In realtà il mio vero e unico blog è questo. Perchè uno Space su Msn? La risposta è veramente semplice, viene da un'idea che l'altro giorno mi è venuta parlando con la mia cara amica Simona che mi ha detto: "Hai visto che Stefano (un altro nostro amico) ha aggiornato il suo blog?". Al che io le dissi: "Si ma tu come fai a sapere che l'ha aggiornato? Ci sei entrata?" - e lei mi rispose: "No, a me appare la stellina sul contatto, ogni volta che qualcuno aggiorna il proprio blog".
E li mi si è accesa la lampadina. Infatti il mio blog non essendo sotto quelli ospitati da Microsoft non godeva di questo servizio di avviso tramite stellina. Da buon sostenitore del Sapere Libero (anche per quanto riguarda il software), ho sempre voluto fare le cose per conto mio senza appoggiarmi a Mr Bill. Dunque la mia idea è stata questa: il mio blog continuerà ad esistere come blog principale, in più ho registrato questo, sotto Microsoft nel quale per ogni nuovo intervento inserito sul mio vero blog, faccio corrispondere un link su questo. In questo modo inserisco un nuovo intervento anche su questo blog, che però contiene solo il collegamento al vero intervento, e allo stesso tempo, chiunque vedrà l'apposita stellina come che abbia inserito un nuovo intervento in questo spazio msn.
Furbo? Eh... le penso tutte per sfuggire dalla massa.
Comunque se non mi sono spiegato abbastanza bene, non preoccupatevi, capirete tutto al prossimo intervento che inserirò.

Ora visto che ci sono, e visto che questo primo intervento l'ho dovuto inserire sul serio, tanto vale fare un piccolo resoconto di ciò che si può trovare sul mio blog.
Partiamo dal titolo: Serendipità. Esattamente proprio così. Magari per te sarà la prima volta che leggi questa parola, in effetti nel nostro Italiano di tutti i giorni non è molto diffusa, ma se ti do un aiutino ci arrivi subito. Conosci il film Serendipity. Ecco è la stessa parola, però in italiano.
Serendipità è una parola che contiene al suo interno un bel significato filosofico che secondo me riassume ciò che mi piace trattare sul mio blog: ovvero lo scoprire una cosa non cercata e imprevista mentre se ne sta cercando un'altra.

Credo proprio che come primo intervento possa bastare, vi lascio dunque a tutti i futuri interventi e alla vostra libera interpretazione di questa frase in corsivo.
by nuke
Sunday, 22 Ottobre 2006!! Alle: 21:51
commenta commenta ( 795Visite )  |  
( 1 / 2 )


Indietro

powered by pppBLOG v 0.3.11